SERVIZI

Per facilitare tutti i nostri clienti, in questa sezione illustreremo tutti i servizi da noi offerti che nella realtà rispecchiano tutte le necessarie accortezze per assicurarsi un giusto funzionamento degli estintori in caso di emergenza.


E' assodato che il metodo più efficace per combattere un incendio è quello di intervenire al suo primo insorgere, quando cioè il focolaio è ancora di dimensioni ridotte. Sono pertanto gli estintori i mezzi di pronto intervento più diffusi per la lotta antincendio, grazie sopratutto alla facilità di impiego, al costo contenuto e alla notevole efficacia estinguente su un principio di incendio.


Il controllo di un estintore ha lo scopo di verificare l'efficenza dell'estintore eseguendo dei controlli di idoneità dell'agente estinguente in funzione alle aree da proteggere, controllo della carica estinguente e un controllo del peso per garantire con certezza il giusto quantitativo di carica.


La frequenza dei controlli deve essere almeno semestrale, dove il produttore dell'estintore deve fornire tutte le indicazioni necessarie per effettuare il controllo. Per essere certi della giusta manutenzione è necessario che gli interventi vengano eseguiti da personale qualificato ed in possesso dei requisiti di legge e devono essere annotati sull'apposita scheda del registro antincendio.


Di seguito è indicata la frequenza con cui eseguire le operazioni di revisone:

TIPO ESTINTORE TEMPO MASSIMO DI REVISIONE CON SOSTITUZIONE DELLA CARICA (MESI)
A polvere 36
Ad acqua o a schiuma 18
Ad anidride carbonica CO2 60
Ad idrocarburi alogenati 72

LA norma tecnica UNI 9994-1:2003, prevede che siano effettuate una serie di attività per mantenere in efficenza gli estintori, che devono esserer annotate in un apposito registro da tenere a disposizione degli organi preposti al controllo.


La manutenzione da noi svolta prevede le seguenti fasi di controllo:


- LA SORVEGLIANZA: può essere effettuata da personale interna appositamente incaricato o dalla nostra società e consiste nel verificare con cadenza periodica la presenza, l'accessibilità e l'integrità dell'estintore.


- IL CONTROLLO: consiste nel verificare con cadenza semestrale il buon funzionamento dell'estintore, direttamente nel luogo dove è installato, evitando che sia ritirato dal manutentore. E' previsto un esame visivo dell'estintore e il controllo della pressione del gas propellente, azione svolta tramite il controllo del peso o dalla lettura dell'apposito manomentro posto in alto.


- LA REVISIONE:consiste in un controllo approfondito di tutti i componenti dell'estintore e prevede anche la sostituzione dell'estinguente e dei dispositivi di sicurezza per le sovrappressioni, oltre che l'ispezione dell'intero derbatoio. La frequenza dipende dal tipo di estintore: polvere max ogni 3 anni; halon max ogni 6 anni; Co2 max ogni 5 anni; acqua e schiuma max ogni 18 mesi.


- SOMMINISTRAZIONE CORSI DI FORMAZIONE:Con l'entrata in vigore del D.Lgs. n. 81/2008, si è reso obbligatorio per il datore di lavoro (o per chi ne fa le veci) lo svolgimento diretto dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi (art. 37). Il mancato rispetto delle disposizioni del D.Lgs prevede sanzioni amministrative e penali. DA.RA. Antincendio, operante nel settore antincendio e della sicurezza nei luoghi di lavoro, offre ai propri clienti l'opportunità di adeguarsi alla normativa prevista dal D.Lgs attraverso l'erogazione di specifici corsi con docenti specializzati, rilasciando l'attestato di frequenza. Sulla base della valutazione dei rischi è possibile classificare il livello di rischio di incendio dell'intero luogo di lavoro o di ogni parte di esso: tale livello può essere basso, medio o elevato.


- Corsi per addetti antincendio in attività a rischio di incendio basso (durata 4 ore). Si intendono a rischio di incendio basso i luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze a basso tasso di infiammabilità e le condizioni locali e di esercizio offrono scarse possibilità di sviluppo di princìpi di incendio ed in cui, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata.


- Corsi per addetti antincendio in attività a rischio di incendio medio (durata 8 ore). Si intendono a rischio di incendio medio i luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze infiammabili e/o condizioni locali e/o di esercizio che possono favorire lo sviluppo di incendi ma nei quali, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata.


- Corsi per addetti antincendio in attività a rischio di incendio alto (durata 16 ore). Si intendono a rischio di incendio elevato i luoghi di lavoro o parte di essi in cui per presenza di sostanze altamente infiammabili e/o per le condizioni locali e/o di esercizio sussistono forti probabilità di propagazione delle fiamme, ovvero non è possibile la classificazione come luogo di incendio basso o medio.